IL SALONE DI REBECCA – Fragranze: Emozioni e Ricordi

Non ero ancora adolescente quando nebulizzai sul mio collo uno dei profumi appoggiati sul comò della mia cameretta. Era racchiuso in una di quelle boccette con la pompetta e trovavo emozionante l’idea di inondarmi di profumo come facevano le mie sorelle maggiori prima di uscire . . . dovevamo andare a trovare i nonni, era domenica, una domenica di inizio primavera.

Beh, fu il viaggio peggiore della mia vita, soffrii la nausea fino a sera e per un bel po’ non misi più alcun profumo sul mio collo. Ci riprovai qualche anno più tardi, ma la tendenza a non tollerare i profumi era una mia caratteristica.

A distanza di tempo ho deciso di andare a fondo della questione: come era possibile che la mia pelle trasformasse in odori aciduli tutti quei buoni profumi?

La risposta è semplice, il pH della mia pelle è sicuramente acido! E vi dirò di più: la tollerabilità e la resa di un profumo riflette il nostro carattere, lo stato d’animo, i flussi ormonali, l’idratazione della pelle, l’età, e può addirittura succedere che un profumo ci piaccia al mattino e ci infastidisca al pomeriggio. Un profumo è in grado di influenzare il nostro atteggiamento verso la giornata che dobbiamo affrontare, ci può dare sicurezza, vitalità, ottimismo, energia, può rafforzare la femminilità.

Ogni pelle ha un odore diverso, e oltre al pH, la traspirazione e il tasso lipidico sono i maggiori responsabili delle variazioni che subisce un profumo quando viene vaporizzato sulla pelle. Elementi come il sodio, il cloro e il potassio si mescolano a quelli del profumo e danno vita a fragranze sempre nuove.

Inoltre, esistono diverse tipologie di profumo, classificate in base alla concentrazione di essenza in una stessa quantità di alcool. È giunto il momento, quindi, vedere quali sono le principali categorie:

Estratto 

È il composto con la concentrazione più alta di essenze nella base alcolica,  pari al 25 – 30%, da diffusione e persistenza per 6 / 8 ore.

Eau de parfum

È la denominazione del più comune “profumo” che troviamo nei negozi. Sulla pelle dura dalle 4 alle 5 ore e la concentrazione di essenze nella base alcolica è del 15-20%.

Eau de toilette

Evapora rapidamente, ha una durata di 2 / 3 ore e la concentrazione di essenze nella base alcolica è del 12 – 15%.

Eau de Cologne

Detta anche “Colonia”, da un senso di leggerezza e vitalità. La prima formulazione risale al XVII secolo, si chiamava Aqua Mirabilis e venne realizzata da G.P. Feminis e J.M. Farina. L’idea di base è legata ad un concetto di naturale benessere e si può applicare su tutto il corpo, dato che la concentrazione di essenze nella base alcolica è del 3 / 5%.

Eau fraîche

Si tratta di un’acqua profumata, con concentrazione inferiore al 3%, ideale per le pelli molto sensibili e per chi vuole essere profumato anche durante l’esposizione al sole.

Un’altra caratteristica dei profumi sono le note dominanti, le quali si dividono in

AGRUMATA (arancia, bergamotto, mandarino)

FLOREALE (fiori singoli o bouquet)

LEGNOSA

CHYPRE (agrumi, rosa, gelsomino, patchouli, muschio, quercia)

ORIENTALE (base ambrata, resine, vaniglia, spezie).

In base al momento in cui vengono rilasciate dalla pelle, queste note si dividono in note di testa, note di cuore e note di fondo.

Le note di testa si percepiscono nei primi 10 minuti dalla nebulizzazione del profumo. Sono leggere e riempiono l’aria, si riconducono a fiori, erbe o frutta.

Le note di cuore sono il nucleo, si fanno sentire dopo 2 ore e sono nettamente più decise. Sanno di frutta, fiori o legni.

Le note di fondo costituiscono la “scia”, vengono rilasciate tra le 2 e le 5 ore dopo la nebulizzazione e sanno di legni ricchi, ambre e muschi. In genere rimangono a lungo anche sui tessuti.

Vi consiglio pertanto, prima di acquistare un profumo, di provarlo sulla vostra pelle e prendervi qualche ora di tempo per capire come si diffonde.

L’arte di produrre profumi risale agli antichi Egizi e la materia prima ancora oggi piu apprezzata è l’ ambra, ricavata da stomaco, intestino o escrementi di balena (🙄😯). Dal momento che la richiesta è alta, si tende ad utilizzare la forma sintetica.

Spostandoci ad un livello più profondo, avete mai pensato a quanto siano strettamente legati olfatto ed emozioni? Il nostro cervello memorizza miliardi di odori e li associa a sensazioni belle o sgradevoli. Non a caso è il nostro emisfero destro a rilevare gli odori, lo stesso che riconosce le diverse emozioni. Dopo averli elaborati, li trasforma in amarcord. Ed ecco che all’improvviso annusiamo e automaticamente ci ritroviamo in viaggio tra ricordi, esperienze passate, vediamo volti che pensavamo di aver dimenticato . . . tutto grazie ad un mix di molecole odorose. Non è incredibile?!

Io rimango affascinata quando il mio naso riconosce un odore e immediatamente rivivo il passato come stessi riguardando un vecchio film!

Arriviamo infine ai consigli per una corretta applicazione del profumo:

Polsi, collo e dietro le orecchie sono le zone che permettono una grande diffusione del profumo. È bene farlo aderire senza strofinare per non alterare le molecole. Sui capelli si ha una diffusione massima, grazie al cuoio capelluto che risulta più grasso e idratate rispetto ad altre zone del corpo.

Attenzione a proteggere le boccette di profumo da luce e calore, se potete, conservateli nella scatola originale.

Indossate sempre il vostro profumo, non risparmiatelo per le occasioni, il profumo va vissuto e capito per saperlo indossare al meglio!

Volete sapere come ho risolto la mia bassa tollerabilità ai profumi?

Prediligo le Eau de Toilette e scelgo sempre profumi dolci, legnosi o speziati, mi danno meno “alla testa”!

Manuela Rebecca

 

 

 

 

Rispondi