Pasqua alla rovescia!

Uhm cosa avete capito dal titolo? Che per evitare di appesantirci dovremmo stare a testa in giù così non mangiamo? Giammaiiii!!! No, no niente posizioni yoga per oggi.
Oggi vi propongo 2 idee sempre facilissime e sempre effetto wow ma alla rovescia! Facciamo una colomba salata e un uovo alla coque dolce.


Niente paura. Vediamo qualche passaggio.
La colomba non è altro che una torta salata ricotta, spinaci e uovo sodo.
Sbollentate gli spinaci (freschi o surgelati circa 500 gr cotti). Ripassateli in padella con olio sale e uno dpicchio d’aglio che toglierete.
Fate bollire 4 uova.
Fatele raffreddare e sbucciatele.
Mescolate 2 confezioni di ricotta con gli spinaci e 6 cucchiai di pan grattato.


Tutto pronto per assemblare la colomba: sono solo 1 rotolo grande e 2 piccoli di pasta brisee ripiena. Facile, no?
Aprite la pasta. Distribuite un po’ di farcia al centro. Posizionate le uova.
Coprite con altra farcia.


Chiudete a pacchettino e GIRATE.
Fate così anche per le ali dividendo la pasta in 2.


Posizionate in una teglia con carta forno.
Cuocete in forno statico 45 minuti a 180 gradi.


Una volta pronta fate raffreddare.


Ricoprite di formaggio spalmabile. Decorate con prezzemolo, fette di ravanello e semini.


Vi sembrerà di aver fatto qualcosa di difficilissimo e invece… avrete stupito tutti senza aver fatto gran fatica.


Ora un’idea veramente easy easy che va benissimo come spuntino dolce o dessert.
Prendete un ovetto di cioccolato (quelli con sorpresa, io ne ho scelto uno più grande).
Con le forbici battete delicatamente NON SULLA FESSURA e poi con le mani togliete qualche tocchetto giusto per estrarre la sorpresa. Appoggiate l’uovo su una tazzina o un portauovo. Riempite con ottimo yogurt greco e un cerchietto di pesca sciroppata. Guarnite con la menta (sapete che la adoro…).


Vi auguro di passare delle splendide giornate di festa.
Aspetto le vostre foto come sempre. Sapete che le condivido sempre molto molto volentieri.
Un bacio a martedì prossimo.

Siete pronti per Pasqua? Facciamo un test

Ciao a tutti. Lo so. Pasqua è vicina. Facciamo un test:
A. Avete prenotato in un bel posticino?
B. Sarete invasi dai parenti?
C. Fate un porta e offri?
D. Andate in viaggio e risolvete brillantemente il problema?

Se sei profilo A o D(❤) hai tutta la mia stima.

Ma io sono qui per voi profili B e C non disperate! Ecco come sempre alcune idee molto fattibili e ad effetto wow per voi.
Questa volta ho preso spunto dal preferito tra i miei bouquet: quello di verdura!

Ovviamente non mancano le erbette di campo, i formaggi e tante tante uova! Oggi parliamo di pietanze salate.

Antipasti
Nidi di barbe di frate e uova sode


Facilissimo e di grande effetto. Lavate bene le barbe di frate e bollitete in acqua salata per 5 minuti.
Cuocete le uova e lasciatele raffreddare.
Servite i nidi con le uova mezze sbucciate. Condite con olio e sale.

Formaggi alle erbe di campo e pane carasau.
Ecco un antipasto che se ne avete una terrina lo finite tutto!
Lavate bene le erbette
I carletti passateli in padella con olio, aglio e sale. Sono pronti in 2 minuti.
I bruscandoli se sono teneri lavateli e tagliateli a tocchetti. Le parti più legnose vanno scartate.
Anche questi in padella con olio, aglio e sale in 5 minuti sono pronti.
Mescolate caprino e bruscandoli e ricotta e carletti. Salate e condite bene e servite con scaglie di pane carasau (non è salato). Effetto wow e aperitivo di gusto e chiacchiere interminabili.

Primi piatti

Spatzle di spinaci con caprino e briciole di tuorlo


Prendete gli sparzle già pronti, un uovo sodo e del caprino.
Cuocete gli spatzle in acqua bollente salata, quando vengono a galla scolateli con la schiumarola, conditeli con del burro e guarnite ogni piatto con fiocchetti di caprino e briciole di tuorlo d’uovo sodo.
(Difficoltà: se hai le mani è facile!!! – è una battuta che gira e la trovo perfetta per tante situazioni, no? Comunque sì dai questa idea è veramente superfacile)

Spaghetti con barbe di frate


Prendete degli spaghettini sottili e metteteli a bollire in acqua salata insieme alle barbe di frate ben pulite e private del gambetto centrale più spesso.
Scolate tutto insieme. Ripassate in padella con olio extravergine d’oliva e uno spicchio d’aglio e servite tipo nido con un bel fiore di zucchina crudo (privato del pistillo) al centro. Buonissimo e sfizioso. Se fate un bis di primi è un’ottima idea.

Risotto carciofi e cannella


Vi sembrerà una coppia strana in realtà è un abbinamento delizioso (lo so dovete amare la cannella… io la adoro e quindi da vera addicted ve la propongo nel dolce e nel salato).
Cuocete i fondi di carciofo in un pentolino con olio, aglio, prezzemolo, sale, vino bianco e un bicchiere d’acqua. Mettete il coperchio e lasciate andare a fuoco lento 45 minuti.


Una volta cotti tagliateli a pezzettini. Nel pentolino per il riso mettete olio, aglio, uno scalogno tritato, mezzo cucchiaino di cannella e il riso. Fatelo tostare 5 minuti. Sfumate con vino bianco. Una volta evaporato aggiungete i fondi di carciofo a pezzetti, acqua calda e salate. Continuate ad aggiungere acqua finchè del riso si sentirà solo la puntina centrale ancora duretta.
Spegnete il fuoco e mantecate con burro e parmigiano. Guarnite con prezzemolo. È una cosa da DELIRIO!!! Provate e mi direte.

A martedì prossimo!

Campagna, erbette e tagliatelle di nonna Mina

Ve l’ho detto… vi propongo ricette veloci, idee che ci risolvono presto e bene i nostri appuntamenti quotidiani con la cucina… non vi parlo mai di preparazioni lunghe o impasti perchè sono argomenti da specialisti e la tradizione va rispettata.

E proprio rispettando la tradizione oggi faccio un’eccezione e vi parlo di erbette di campo e tagliatelle fatte in casa dalla nostra adorata nonna Mina, la nostra specialista di fiducia che ci ha regalato una giornata di tutorial in campagna.

Zaino in spalla, borsettine e guanti (per raccogliere le ortiche) ci siamo fatti una bellissima passeggiata lungo gli argini del Bacchiglione godendo a pieno della natura e del clima primaverile soleggiato.

I bambini si sono specializzati nella raccolta dei ‘carletti’, ma abbiamo raccolto anche rucola, bruscandoli e ortiche.

Di tarassaco e rosole avevamo già fatto una bella scorpacciata 2 settimane fa.

Abbiamo raccolto le uova delle nostre galline, lavato, sbollentato e strizzato bene le ortiche per fare le tagliatelle verdi.

Per la pasta verde abbiamo frullato un pugno di ortiche e un uovo al mixer. Abbiamo aggiunto 180 grammi di farina (100 farina di grano duro + 80 farina 00) e lavorato bene l’impasto.

Abbiamo fatto riposare un’oretta in frigorifero.
Poi abbiamo coinvolto i bambini che hanno impastato ridendo come pazzi e intenerendoci tantissimo. Adoro avere i bambini in cucina…

Nonna Mina ci ha raccontato di quante volte insieme alla sua mamma Alice faceva la pasta usando proprio la stessa spianatoia e lo stesso mattarello…

Le mani che stendono la pasta sono pura poesia.
Consiglio a tutti di provare!

Evviva Nonna Mina!!! E tutte le nonne speciali

A martedì prossimo

SPRING MODE:ON

Ohhhh braccia in avanti muovete le mani e facciamo la olaaaa!!! Questa settimana arriva la PRIMAVERAAAA!!!

Io adoro la luce, i colori e i sapori freschi di questa stagione!!! Ma non li amo solo io. Qui sul blog è atmosfera energetica da settimane!

Caterina Pettenello (la Boss)

ha scovato per noi outfit e accessori originalissimi di brand appassionati (curiosate, curiosate…) per tutte noi dalle slim slim fit al curvy way of life style (sempre nel cuore).


Tatasnob

con le sue dolcissime gallery dedicate ai più piccoli è da settimane che ogni sabato alle 12.00 ci delizia con atmosfere giocose e brand giustissimi (curiosate, curiosate…).


E sarete già entrate a leggere tutto, ma proprio tutto su consigli e tendenze trucco per sentirvi sempre TOP nel Salone di Rebecca vero?

E poi gli scatti ispiranti di street style di Eleganze fotografiche curate da Carlo Campi di Fashionprospects??? Cioè… curiosate, curiosate…


E io? Ahhh in cucina con la Sbozz non ci si annoia mai… per salutare questa primavera porto in tavola erbette e uova ovviamente.
Leggete qui 3 idee per mettervi subito in modalità SPRING:ON

Nidi verdi di pane al forno


Svuotate un po’ un panino. Ungete e salate dentro. Aggiungete erbette cotte (o spinaci) un uovo crudo e mettete tutto in forno per 10 minuti a 180 gradi.

Fagottini gialli irresistibili da PIC NIC


Fate rosolare una cipolla e due carote tagliate a cubettini in olio di semi con curcuma, cumino, aglio e sale per 5 minuti.
Unitele a qualche cucchiaio di ricotta, un uovo e un cucchiaio di pan grattato.
Tagliate la pasta per pizza a quadrati. Mettete la farcia. Richiudete a triangolo o quadrato e sigillate bene prenendo con i denti delka forchetta. Ungete sotto e sopra e infornate a 180 gradi per 15 minuti.
Non smetterete di volerneee!!!

Torta primavera


Una torta salata che è un bouquet per omaggiare la primavera e la sua energia fresca e vitale.


Mescolate erbette cotte, 4 uova, 2 cucchiai di pan grattato, 4 cucchiai di formaggio grana e aggiustate di sale.
Farcite la pasta da pizza. Guarnite con i pomodorini tagliati a metà e infornate a 180 gradi per 20 minuti (forno ventilato).


Decorate con radicchietto verde a rosette, fiori di zucca a striscioline, ricotta fresca e menta.

È ora di sbocciare
Buona primavera a tutti

A martedì prossimo!

Facciamo festa papà!

Il 19 marzo si festeggia la Festa del Papà.
Ho pensato che poteva essere carino suggerirvi un menu da preparare insieme ai bambini.

Una serie di pietanze jolly e golosissime pensate per un pranzetto sul divano con un bel film per la famiglia comodi comodi.
Un’attività alla portata di tutti magari accompagnata da un bel disegno o da un biglietto con un messaggio speciale da far trovare sotto al piatto.
E poi volete mettere la soddisfazione di dire al papà ‘questo l’ho fatto io per te?’


Frittata di pasta al forno

Preparate degli spaghetti.
In una ciotola mescolate 1 uovo, 2 cucchiai di parmigiano, 2 cucchiai di salsa di pomodoro e un pizzico di sale per ogni 100 gr di pasta.

Mescolate bene tutto.

Disponete su una teglia da crostata ben unta e passate in forno a 200 gradi per 20 minuti.
Fate dorare al grill gli ultimi 5 minuti.

Paninozzi

Cucinate gli hamburger in padella con un filo d’olio. Salate alla fine.
Tagliate finemente una cipolla bianca in un filo d’olio di semi e salate.
Fate dorare bene.
Tagliate in 2 i panini e fateli scaldare nella padella dove avete cotto le cipolle (super gnam).

Tagliate i pomodorini e l’insalata e salate.
Assemblate i mega panini aggiungendo majonese o ketchup a piacimento.

Palline di cocco

Per 4 cucchiai di formaggio cremoso o ricotta mescolate 12 cucchiai di farina di cocco e 2 cucchiai di zucchero.
Otterrete un impasto facilmente modellabile.

Fate delle palline e passatele nelle codette colorate.
Mettete in frigo e servite belle fresche (fatene tante… spariscono in un attimo)

Auguri a tutti i papà che di impegnano (e a quelli che ci mancano)

A martedì prossimo

Menu giallo come il sole

Periodo di feste e ricorrenze. C’è un Day per ogni cosa e io sono piuttosto una da day by day. Però in mezzo a tante persone che dimenticano ‘ricordare’ e ‘ricordarsi’ è salutare. Così oggi vi propongo un menù GIALLO per festeggiare la Festa della Donna.

Pietanze quotidiane e semplici come l’amicizia e la solidarietà femminile che in maniera del tutto spontanea ci regala una forza straordinaria.
Perchè una pasta all’ultimo c’è sempre, perchè un’insalata tra amiche è un MUST perchè bastano olive, patatine e un bicchiere di bollicine per perdersi piacevolmente in chiacchiere e confidenze.


Ecco l’idea è anche un po’ questa: sentirsi in vacanza. Perchè quando si sta bene ci si sente leggeri e allora via al profumo di limone e menta (lo so… sono fissata… è grave? Avete pensato subito al mojito anche voi lo so).

Aperitivo
Olive, patatine e rotolini con majonese, bresaola e menta

Pasta limone e menta
Una volta scolata la pasta condite con olio extra vergine d’oliva, scorza di limone grattuggiata, qualche cappero e succo di 1/4 di limone (x 2 persone). Foglie di menta e semi di papavero.

Insalatona rosa e gialla
Non ho resistito a questo radicchio rosa: è spettacolare!

Lo sapete amo i bouquet di verdura forse più di quelli classici floreali.
Radicchio, uova sode, mais, capperi, yogurt, pepe e menta.

Qualcosa di dolce
Ananas sciroppato, yogurt, zucchero,semi di papavero e menta. Va benissimo anche a colazione ovviamente.

L’augurio più grande che vi posso fare è quello di coltivare la solidarietà femminile che l’invidia è una cosa orrenda.

A martedì prossimo
(Evviva la menta!)
Spignattate!

Arancia e cioccolato


Ormai avete imparato un po’ a conoscermi. Sono superchic, amo solo i ristoranti raffinati e sono molto precisa nelle dosi… ahahah ci siete cascati? È Carnevale su e io sono sempre LaSbozz: una di voi che ha l’unica ambizione di condividere quello che succede nella sua cucina… senza pretese ma con ironia, fantasia e semplicità.
Vi confesso che non scelgo sempre cosa cucinare in largo anticipo o con una programmazione dettagliata… vado molto a ‘sentire’ e oggi avevo una gran voglia di profumo d’arancia.

Voi direte metti 2 gocce di essenza sui caloriferi. Nooo metto una torta in forno! È facilissima e molto golosa e ve la propongo in 2 versioni

Torta
3 uova
12 cucchiai di zucchero
10 cucchiai di farina
3 cucchiai d’olio di semi
2 cucchiai di cacao amaro
1 bustina di lievito
2 arance non trattate: di una buccia e succo filtrato, l’altra a fette per decorare
Se volete formaggio spalmabile
Zucchero a velo

Con le fruste elettriche montate uova e zucchero. Aggiungete lievito e cacao.
Aggiungete l’olio, la buccia grattuggiata e il succo filtrato.
Per ultimo aggiungete la farina.
Incorporate bene tutto.


Il composto è abbastanza liquido. Versatelo in una tortiera. In forno 45 minuti a 180 gradi.

Nel frattempo tagliate 4 fette d’arancia. Disponetele su un piatto con sopra la carta forno. Massima potenza in microonde 3 minuti per parte.
Cospargete di zucchero a velo.


Una volta raffreddata tagliate a metà la torta.


Rivestite con il formaggio spalmabile e decorate con le arance passate al microonde e un po’ di zucchero a velo.

Bicchiere
Base di torta
Yogurt
Menta
Miele

Sbriciolate la base di torta in un bicchiere. Versate dello yogurt. Distribuite un po’ di miele e qualche foglia di menta.

L’arancia è vitaminica in tutti i sensi. Provatela anche così!

A martedì prossimo

Stelle filantiii!!!

Vi racconto una cosa della mia infanzia… ho sempre amato i giochi di ruolo fin da piccola. Nel senso che ho sempre amato inventare storie e avventure. Disegnavo tantissimo e giocavo in giardino, ma come potete ben immaginare… mi inventavo spesso di essere una cuoca ai fornelli o dietro il bancone di una pasticceria. Ora… mentre i pasticcini erano di sabbia (mio fratello ne ha mangiato pure uno e me le hanno cantate… a me cioè… ok soprassediamo) per gli altri alimenti utilizzavo di tutto un po’… dai lego all’erba del giardino ai fogli di riciclo. Il massimo però era a Carnevale: me ne andavo in giro tutta fiera con enormi piatti di tagliatelle multicolore fatti di stelle filanti!

E si ok il Carnevale durava tipo fino a giugno, ma soprassediamo anche qui… allora oggi che questo gioco delle tagliatelle lo faccio con mio figlio a voi voglio proporre delle ‘vere ma finte’ tagliatelle multicolore. Fatte con le frittate!

Adoro la campagna e ho molte uova fresche fresche fatte dalle galline di mia suocera (Piumetta e Coscetta – di questo nome vi dirò un’altra volta…)

e ho pensato di proporvi questa idea facilissima e divertente effetto super wow! Vi dico le quantità per uovo.

Io ne ho usate 4 (un impasto per colore)e ho ottenuto 4 frittatine che vanno bene per 2/3 persone:

1 uovo
2 cucchiai di farina
3 cucchiai di latte
3 cucchiaini di sugo di pomodoro o patè di olive nere o pesto
Poco sale
Olio per la padella

Mescolate farina, latte e sale e aggiungete le uova.
Dividete l’impasto in 4 ciotoline.
Aggiungete in una la salsa di pomodoro, in un’altra il patè di olive, nella terza il pesto e l’ultima non aggiungete nulla.


Fate 4 frittatine una per volta ungendo un po’ una padella e rigirandole.


Arrotolatele.


Tagliate sottili tagliatelle.
Unitele nel piatto.
Io ho aggiunto semi di sesamo e menta (perchè mi basta un po’ di sole e per me è già primavera).


Evviva la fantasia, il colore, l’allegria del Carnevale, i sorrisi e le stelle filanti nel piatto!
A martedì prossimo!

La solita merenda (sì, ma con la mascherina di Carnevale)

Carnevale! Sono cresciuta in provincia di Venezia e ricordo ancora le mie piccole manine che aiutavano la nonna in cucina a tirare i galani

il profumo delle frittelle (e il trucco del goccio di grappa nell’impasto),

lo zucchero a velo su viso e maglioni per non parlare del divertimento nell’inventarsi trucchi e costumi. E le lotte a coriandolate???? Alzi la mano chi non si è mai ritrovato con i coriandoli fin dentro le mutande!

Il Carnevale è allegro, godereccio, esplosivo e creativo e ci dà la possibilità di vivere delle giornate eccentriche e spensierate.
Come sempre non vi parlerò di ricette tradizionali e di impasti… io li adoro, ma qui oggi vorrei darvi qualche spunto per truccare una merenda classica dei bimbi in stile Carnevale.
Ispirazione: Arlecchino. Losanghe, colori, stelle filanti e coriandoli.
Guardate un po’ qui.


Panini dolci con i coriandoli

Pane da tramezzini, crema di nocciole spalmabile e codette colorate. Portatelo in tavola intero e tagliatelo al momento i bambini si divertiranno a vedere i panini giganti e colorati!


La merenda di Arlecchino

Pane da tramezzini (farcitelo come volete). Ma la fetta sopra sarà colorata. Preparatene una con salsa di pomodoro, una con il pesto, una con patè di olive nere e una con formaggio bianco spalmabile.

Tagliate in quadrati e poi in diagonale tenendo sempre pulito in coltello con carta da cucina a ogni taglio per non mescolare i colori con la lama sporca. E poi via… mescolate i triangoli e create i vostri paninetti. Arlecchino apprezzerebbe!

Yogurt con i palloncini

Marshmallow colorati a pezzettini o cerchietti e yogurt bianco. No non è uno scherzo di Carnevale è proprio facilissimo!

Siete pronte mascherine per papparvi tutto ora?

A martedì con nuovi piccoli trucchetti veloci in cucina con la Sbozz!

Qualcosa di romantico

Qualche giorno fa mi dicevo: dai Stefy! Pensa ad un menu romantico per S.Valentino! E sono finita a pensare a cosa significa ‘romantico’ e ai mille modi diversi che collegano il cibo con l’amore. Un tema interessantissimo, che mi appassiona e che mi porta a volare da un capo all’altro del mondo immaginando i volti dell’amore davanti ai loro piatti preferiti… e quindi? Quindi per scegliere non ho potuto far altro che suggerirvi qualche idea che ha in sè un po’ la mia idea di romanticismo in cucina. Qualcosa che si mangi con le mani, qualcosa di dark come il cioccolato, qualcosa di contrastante come il croccante e il cremoso… qualcosa che vi fa pensare ‘e questo come si mangia? Con le mani?’ E che vi faccia ridere. Perchè si sa che togliersi in due dall’imbarazzo è una delle cose più complici che ci sia.

Qualcosa di romantico

L’ispirazione è venuta da tre temi: il colore rosso, il nido, i fiori… ma anche dalla visione poetica e onirica che identifica la linea WAITING delle mie Tshirts dove le imperfezioni di ognuno di noi diventano stelle e storie molto speciali.

Le tshirts LaSbozz le trovate qui Http://shop.spreadshirt.it/lasbozz

Ed ecco le mie piccole proposte:
Rose di bresaola, radicchio, pomodorini nel pane

Prendete il pane. Mettete ogni fetta in uno spazio dello stampo per muffin. Mettete 10 minuti in forno a 180 gradi. Mescolate formaggio cremoso con sale e olio. Guarnite con bresaola, radicchio e pomodorini sottolio creando dei fiori. Adoro questo bouquet!!!

Nido croccante con besciamella e sfilacci

Prendete le tagliatelline di pasta secca all’uovo. Irrorate con olio di semi sopra e sotto. Passate 10 minuti a 180 gradi in forno. Salate bene. Servite croccantissimo e caldissimo con besciamella arricchita di parmigiano e tanti saporiti sfilacci. Si mangia mettendo un po’ di salsa sopra la pasta e gustandosi ogni morso supercroccante con le mani. Ma ci si sporca un po’ e si ride molto. Buonissimo.

Ciokocestini fantasia di frutta e crema e cuori di frolla

Mescolate il riso soffiato al cioccolato con una tavoletta di cioccolato fondente sciolta a microonde 30 secondi con 2 cucchiai d’acqua. Ungete lo stampo per muffin con olio di semi. Con le dita inumidite premete bene sui bordi e fate dei cestini. Vi sporcherete ma l’effetto wow è garantito. Mettete in frigo per 1 ora almeno. Estraete i cestini. Farcite con crema di zucchero e formaggio spalmabile e frutta come amarene, mela, mandarino tagliato a vivo.

La frolla sottile compratela. Ricavate dei cuori con lo stampo e giocate con lo sciroppo di amarene o la vostra marmellata preferita.

Buon S.Valentino ma direi più usate il cibo come messaggio d’amore e giocate sempre.

Baci. A martedì