Gilda Glam

Questa settimana, sono stata ispirata da una Tendenza che si presenterà nella prossima stagione autunno inverno nell’ambito abbigliamento bambina.

Si tratta di un ” semplice” accessorio che renderà davvero particolari ed insoliti i look di bimbe e mamme , un dettaglio che farà davvero la differenza : le spille!

Non potevo non trovare chi le confeziona sapientemente e rigorosamente a mano… cosi ho incontrato personalmente Giada chiaccherando  comodamente davanti ad un caffè caldo, mi ha raccontato di @gildaglam.

E’ nata cosi… sono le parole di quasi tutte le creative conosciute fino ad ora, ed ogni volta mi stupisco del grande coraggio che mettono nel realizzare i loro progetti!

Una vena creativa presa dalla sua dolce mamma … Ha iniziato a provare ad assemblare , fiocchi, perline, pietre e  ne sono nate delle bellissime spille a fiocco!

Sono piaciute ad amiche, poi a sorelle, cugine e cosi via…hanno iniziato a contattarla negozi , facendo richieste personalizzate.

La cosa bella è che queste spille si adattano a quasi tutti i look; da una t-shirt basic, ad un cappello,ad una giacca fino ad un paio di scarpe.

A Giada piace pensare che ognuno può creare uno stile in base ai propri gusti..insomma non c’è limite di fantasia e creatività.

Quindi, se avete voglia di un tocco di eleganza raffinata da sfoggiare per Voi e le vostre principesse…avete trovato la Fatina dagli occhi blu.

Alla prossima settimana 

Tata

Pitti Immagine Bimbo

Buon Sabato Personalshoppine!

La Settimana scorsa vi avevo anticipato la notizia del “Pitti Bimbo”, in questa, il Salone internazionale della Moda Bambino ha aperto le porte alla sua 88^ edizione!

Quest’anno si festeggia un compleanno davvero speciale, quello della bambola più famosa del Mondo: Barbie!

Barbie compie la bellezza di 60 anni, portati divinamente (9 Marzo 1959) e per l’occasione è in corso una mostra celebrativa e una Capsule Collection firmata Patrizia Pepe.

Il tema guida della kermesse, dedicata alle Collezioni Bambino Autunno /Inverno 2019-2020 è ” The Pitti Box” ovvero delle Surprise Box, contenitori di idee e novità da aprire di stagione in stagione per raccontare le vibrazioni più nuove della Moda e del Lifestyle.

Sono presenti 564 Collezioni, di cui 354 provenienti dall’estero, Numeri Interessanti che girano intorno alla moda bambino!

Una delle novità assolute di questa edizione, ancora in corso (finisce oggi), sono le Capsule Collection di Hello Kitty, anche lei neo-festeggiata (45 anni), la quale nel corso degli anni è diventata un’icona globale in grado di toccare il cuore di donne e bambine di tutte le età.

Interessante viaggio Fashion dei brand Spagnoli come: Agatha Riuz De La Prada, Amaya, Boboli, Mayoral, Tuc Tuc, solo per citarne alcuni …filo conduttore: il viaggio!

Collezioni colorate, allegre che hanno inizio da una grande città, in una scena urbana e cosmopolita… un esplosione di talento, creatività e allegria!

Grandi idee, progetti e buoni propositi dedicati all’ambiente e al rispetto del Pianeta nella sezione dedicata alla EcoEthic: tra questi… Filobio, un brand ecosostenibile, che  ha allestito un albero come luogo simbolico per lasciare messaggi green !

Per la felicità dei suoi numerosi piccoli Fans J-AX, il famoso rapper Italiano, ha trasposto su felpe, t-shirt, pantaloni, bermuda la sua passione per la musica, trovando una collaborazione con Vingino, brand Olandese… una fusione di  sonorità rap, stile hip pop con grafiche provenienti dal mondo del tattoo . 

Insomma… potrei continuare ad oltranza perchè le novità sono molte e tutte geniali!

Vi lascio con tante immagini di riferimento: dalle sfilate ai look, fino alle tendenze per le quali dovremo pazientare, ahinoi, fino alla prossima stagione invernale.

Tata 

NUOVO MANIA FIOCCHI

“Piccoli Stili”

…”L’ispirazione non è un privilegio degli Artisti ma di chiunque!”

Partiamo da questa piccola premessa: l’ispirazione!

Si, avete letto bene, l’ispirazione è ciò che fa scattare in me la voglia di scrivere e di raccontarvi attraverso i miei articoli le varie scoperte che ho fatto fino ad ora.

Spesso, da Donna osservo il bello delle altre e  prendo spunto per migliorarmi e per seguire stili differenti nei look.

La stessa cosa mi piace farla per i miei figli, con Amore mi prendo cura di loro ma è anche un’occasione per dare loro insegnamenti sotto tutti i punti di vista, anche quelli fashion!

Ci sono due modi per ispirarsi….

Cercare il nuovo, trovarlo ed innamorarsi subito, un colpo di fulmine fashion, e quindi essere aperti a cose e persone!

O “Innamorarsi” lentamente di uno stile o di un singolo capo poco per volta, coltivare il nuovo ogni giorno, anche pochi minuti, attraverso quello che più ci piace.

Io lo faccio spesso e uso entrambe le situazioni…. mi piace vedere e scoprire cose nuove, cerco a mia volta di ispirarvi e farvi conoscere il mondo della moda bambino con occhi diversi, un po’ alla volta sperando di catturare la vostra attenzione e voglia di scoprire gli articoli sabato dopo sabato.

Questa settimana è in corso il “Pitti Box” e presto ci sarà anche quello bambino, approfitto così per farvi vedere delle anteprime davvero stilose.

In fondo piace a tutti vedere un bel vestito, particolare e sartoriale, diverso dai soliti per di più indossato da piccoli modelli.

Ahimè devo ammettere che spesso sono costretta a scegliere gli abiti per comodità e prezzo, ma… “in realtà sogno” di vestire i miei figli con look alternativi e alla moda come qui di seguito.

Come potete notare, sempre di più gli abiti dei piccoli sono ispirati dai modelli degli adulti e questa cosa mi piace da impazzire!

I costi sono alti soprattutto a fronte del fatto che questi abiti scappano nel giro di poco, però come da mia premessa vi lascio con: l’ispirazione… così da rendere trendy i vostri figli.

Alla prossima settimana

Tata

NB: Tutti i capi che vedete li potete trovare da: @happydays_only_for_free_kids 

Calze Spaiate

Buon Anno Personalshoppine!!!!

Un nuovo Anno fresco e profumoso di novità ci aspetta… e io non perdo occasione per scrivervi di talenti Home Made.

Visto che siamo alla vigilia della Befana oggi vi presento : ” Calze Spaiate”. Di calze però non si parla … perchè la spaiata , come per sua stessa definizione, è la protagonista dell’articolo di oggi.

Claudia, una Penelope moderna… che di notte non disfa ma crea , un vulcano di idee, un quaderno pieno di progetti, molti dei quali sono visibili nelle pagine social di Facebook ( Claudia Comini Calze Spaiate) ed Instagram ( @calzespaiate) e nel suo negozio Etsy, on line.

La sua avventura iniziò 3 anni e mezzo fa, quando chiese a suo marito di regalarle una macchina da cucire…le si aprì fin da subito un file nella mente, e non smise più di creare, studiare e comprarsi macchine di ultima generazione per migliorare sempre di più la sua grande passione!

Claudia, come moltissime creative finora conosciute, non ha un canone di definizione….sperimenta, prova e crea a suo piacimento ed è in continua evoluzione artistica!

E’ molto indipendente, per alcuni versi “pazzoide” nel senso buono del termine, e troverete nel suo negozio virtuale moltissime idee originali e colorate: tessili da cucina come tovagliette con porta stoviglie e tovagliolo richiudibile con eleganti nastri. Originalissimi grembiuli per piccoli chef accompagnati da cappelli da cuoco.

Berretti con trame di ogni tipo, maglie dai cotoni super ricercati, borse di paglia con ricami, corone per feste di compleanno, bavaglie con simpatiche nuvolette, sacche per asilo, quadretti nascita con applicazioni di feltro.

Potrei continuare, ma voglio lasciarvi con la curiosità di correre da “Calze Spaiate” per conoscere questo meraviglioso mondo spaiato!

Alla prossima settimana

Tata

 

 

Modella per un giorno

Per la prima volta in vita mia, mi sono ritrovata ad essere dietro ad una macchina fotografica professionale per svolgere quello che solitamente fanno gli altri …ovvero uno shooting ! Ho colto l’occasione di portare la mia famiglia, visto che gli articoli di cui spesso vi scrivo raccontano di creatività nell’ambito del bambino. Vi scrivo di negozi e di moda che li riguardano , ma questa volta ci siamo trovati noi dentro all’articolo.

Innanzi tutto vi dico che ci siamo divertiti, nonostante una certa emozione ci abbia sopraffatto, ma con l’aiuto del nostro Carlo Campi  di @fashion_prospects ci siamo sentiti quasi subito a nostro agio, quasi fossimo una comitiva  a spasso per la città di Padova.

Carlo è un fotografo professionista, che da alcuni mesi fa parte del nostro Team, e oggi vi scrivo di lui perchè solitamente si trova dietro alle quinte di questo splendido lavoro.

Lavora sempre a stretto contatto con la sua macchina fotografica, ormai compagna di mille avventure, dalla moda, al beauty, all glam al fashionshow.

Umbro, classe 1984 un buono di natura,  serio e professionale da permettere a chi sta davanti al suo obiettivo di sentirsi veramente  libero di esprimere l’eleganza fotografica.

Ci siamo resi disponibili ma è stato un lavoro reciproco, lui mi ha dato  suggerimenti e chiavi di lettura diverse, e io in lui il senso di naturalezza che nasconde la mia famiglia e il mio modo di essere, che va oltre al mio buffo nickname!

Io amo profondamente la fotografia, perchè racchiude un momento che viene immortalato per sempre, chi fa questo lavoro ha un’anima sensibile che non sempre, attraverso una foto, si è in grado di comprendere.

Ma ora basta parole, vi lascio in compagnia delle nostre foto non professionali, ma di sicuro effetto.

Con questo articolo si conclude anche questo 2018, per tanto Auguro a tutti voi di concluderlo nel migliore dei modi e vi aspetto carichi per il 2019 da trascorrere insieme articolo dopo articolo, nella speranza di non deludervi mai.

Con affetto

Tata

 

 

 

Bellezza Collaterale

L’Amore, il Tempo e la Morte, queste tre cose mettono in contatto ogni singolo essere umano…desideriamo l’amore, vorremmo avere più tempo e temiamo la morte!

Quando arriva quella prematura di una giovane vita, tutti ci chiediamo il perché e ne rimaniamo letteralmente sconvolti.

Il mio primo pensiero va a ai genitori e mi sono sempre chiesta come una cosa così tragica, che  in un’attimo distrugge una famiglia, ti possa far andare avanti… non ho mai trovato risposte adeguate se non quelle più banali e scontate, penso solo che ad un certo punto ti fai forza e basta.

Purtroppo le tragedie non hanno nome e arrivano all’improvviso in un giorno qualunque , in una mattina qualunque…

Elena 19 anni, bionda, occhi grandi azzurri, sorridente, amante della vita , affettuosa, coccolona, esplosiva nella gioia… le piaceva  disegnare , ballare, pattinare, cantare, giocare con i bambini… in particolare con i suoi 4 nipotini di cui andava fierissima.

un’immagine di Elena da bambina

Adorava gli animali, soprattutto aveva una grande passione per i cavalli. Il suo viaggio la porta in Tunisia per uno stage per diventare animatrice di bambini, stava frequentando il corso di laurea in Discipline Economiche e Sociali , per un eventuale impiego nelle ong internazionali presso l’Università Bocconi di Milano.

Beffardo è stato il destino visto che ad esserle fatale è stata una caduta da cavallo, le sue condizioni fin da subito si sono presentate molto gravi, l’aeroambulanza l’ha trasportata d’urgenza in Italia, presso l’ospedale di Padova… ma il tutto è stato vano, Elena muore il 28 Marzo del 2006 a soli 19 anni.

Il mondo si fa nero, buio, ti manca il respiro, rimani impietrito dal dolore e tutto è cosi forte da stordire e lasciarti solo un  grande vuoto!

Ti senti tradito e illuso dalla vita stessa!

In un primo momento ti senti arrabbiato, hai bisogno di incolpare qualcuno, sei convinto che la morte abbia  preso la persona sbagliata…poi il tempo passa, e dovrebbe lenire il dolore ma spesso gli lasciamo lo spazio di logorarci.

Questa storia ho deciso di raccontarvela come una carezza di una mamma al suo piccolo quando è spaventato e indifeso, perché se è vero che non sempre le storie si concludono con un  lieto fine mi piace pensare che possano nascondere una bellezza collaterale.

Questa meravigliosa famiglia dopo aver ” superato” il lutto non si è chiusa in se stessa o in una visione egocentrica ma ha scelto di andare avanti e di mantenere viva ogni giorno Elena dando nuovamente vita ai suoi progetti, attraverso la fondazione “ELENA TREVISANATO Onlus” nata nel 2008 con sede a Venezia.

Vorrei che tutti sapessero leggere non per diventare letterati o poeti, ma perchè nessuno sia più schiavo. G.Rodari

Attraverso questa bellezza difficile da comprendere vi posso garantire che ogni giorno Elena aiuta  un paese dell’ Etiopia, in particolare la Somali Region, uno dei luoghi più poveri e inospitali della Terra.

Qui mancano del tutto Acqua , istruzione, salute ed è proprio da queste tre prerogative che la fondazione opera attraverso la generosità dei suoi sostenitori. La caratteristica principale di Fondazione Elena è quella di destinare la quasi totalità delle risorse raccolte, che avvengono tramite eventi benefici organizzati dalla famiglia in media 2 volte l’anno (dove appunto vengono raccolte offerte)  per l’esecuzione di progetti, che  non avvengono solo in Etiopia ma anche a Venezia, attraverso la collaborazione con Casa Famiglia San PIO X a sostegno di giovani madri in difficoltà: il Nido di Elena.

Ad oggi Fondazione Elena, ha realizzato, in alcuni casi in concorso con altri enti benefici: 4 pozzi profondi , alcuni progetti di ottimizzazione o approvvigionamento idrico, 3 scuole di alfabetizzazione primaria, 2 scuole superiori, 1 laboratorio di scienze, 1 aula informatica, un reparto degenze, un progetto per lo sfruttamento agricolo del territorio.

A Venezia invece ha realizzato, per l’appunto, ” Il Nido di Elena”  per casa Famiglia San Pio X , consistito nel parziale restauro e arredo di un appartamento protetto per accompagnare verso l’autonomia giovani madri in difficoltà ed i loro bambini, oltre ad alcuni progetti per l’integrazione ed il sostegno di persone straniere in situazioni di disagio, in collaborazione con La Casa diAmodou e con i Corridoi umanitari di S.Egidio e la Diaconia Valdese, oltre a !0 anni di sostegno scolastico ai bambini e ragazzi Sinti di Mestre.

In questo periodo è in corso a Venezia una mostra itinerante e diffusa dal titolo ” Acqua, Futuro,Vita ” del fotografo di fama Axel Fassio che, in terra d’Etiopia ha realizzato e donato alcuni suoi bellissimi scatti per Fondazione Elena, la quale beneficerà dell’intero ricavato. La mostra è di recente approdata in Campo San Giacomo dell’Orio, lungo un percorso che va dalle vetrine della tabaccheria TAB64, per proseguire Al Canton del Vin, presso l’osteria Da Filo, nella cartoleria del campo presso il ristorante Al Bagolo. Una foto è presente anche nel negozio di articoli prodotti dalle carcerate ” Le Malefatte” in Campo ai Frari.

Foto di Axel Fassio

In dieci mesi la mostra coinvolgerà tutta la città di Venezia, protagonisti i volti, i colori, le scene di vita quotidiana e i momenti di festa; testimonianza di come la vita sia cambiata dopo l’intervento di Fondazione Elena.

Mamma di Elena Trevisanato con un gruppo di bambini.

Spesso  ci sentiamo arrabbiati senza un reale motivo e ci perdiamo le cose che collateralmente ci scorrono vicine e lontane.

Con questo messaggio vi voglio scaldare il cuore dalle arrabbiature o dalle scocciature di ogni giorno, vi voglio far riflettere che alla fine siamo tutti molto fortunati…ci lamentiamo, ma spesso ci dimentichiamo che avere una famiglia non è sempre così scontato!

Se volete partecipare e contribuire a questo progetto, o per altre informazioni…. Vi invito a visitare le pagine:

http://www.fondazione-elena.org/   

http://www.fondazione-elena.org/#comepuoiaiutarci

Care lettrici e cari lettori con questa storia vi voglio augurare Buon Natale!

Ricordate di stringervi forte, non solo ora, non solo dopo aver letto questa storia, non solo perchè è Natale ma perchè il tempo che abbiamo a disposizione ha un valore inestimabile, e non sappiamo per quanto…i bambini lo sanno bene… e ce lo insegnano ogni giorno dando valore alle piccole cose, ricercando quello che li rende davvero felici, vivendo di questi momenti.

Tata

 

 

Pigiama Party

Ho sempre sognato fin da bambina di poter fare un pigiama party con le mie amiche del cuore… Ma diciamo che all’epoca non era così facile organizzare dei pigiama “fashion” party, soprattutto per chi come me aveva una mamma vecchio stile.

Io avevo già le idee chiare in testa, fin da piccola dicevo a tutti che volevo diventare una modella sognando shooting fotografici, sfilate e situazioni fashion… che ahimè solo oggi sono diventate realtà. Le nuove generazioni difatti hanno una marcia in più sotto questo punto di vista, per noi invece mediamente decidevano tutto i nostri genitori e tutti i sogni restavano nel cassetto.

Oggi, grazie all’ampio spazio comunicativo (pubblicità, social network ecc.) abbiamo risorse di ogni genere e le mamme  sono molto più creative (come testimoniano gli articoli precedenti) ed è veramente molto facile organizzare eventi, compleanni molto ricercati e alla moda.

Il pigiama Party racchiude in sè poche e semplici regole: un piccolo gruppo di bambini (di circa 8 anni)  che si riuniscono per la loro prima esperienza di “sleepover”,  dove si sceglie un tema, (pirati, principesse, supereroi e tanto altro) e l’organizzazione degli spazi (palloncini, bandierine o luci) che rendano l’ambiente speciale e confortevole.

Tutto questo sarà avvolto da cuscini, cuscinoni, tappettoni e trapunte che potranno portarsi tranquillamente gli invitati da casa.

Vi suggerisco alcune idee molto belle, molto particolari e suggestive…

Potete scegliere un bel film accompagnato da caldi e croccanti popcorn, oppure “buttarvi” su giochi in scatola e concludere la nottata con racconti che facciano addormentare i vs piccoli avventurieri con un dolce e sereno sorriso.

 

 

 

Il mio consiglio… invitate pochi bambini,  non tutti sono temerari della notte, potrebbero sentire la mancanza di un genitore. Anche perchè rimarrà a voi la loro gestione, quindi non complicatevi con inviti esagerati per paura che qualcuno non venga…ad un pigiama party s’invitano amici importanti che abbiano confidenza con i vostri figli, la vostra casa e con voi.

Per l’occasione vi consiglio una bellissima carrellata di pigiami.

Per non farvi cogliere impreparati, cari genitori, vi metto anche una sezione pigiami per tutta la famiglia… e cosa molto importante, la mattina successiva al risveglio dei piccoli lupetti affamati vi consiglio una colazione non proprio sana, ma golosa…in fondo, ricordatevi che è un’occasione di divertimento e condivisione per i vostri figli!

 

Tata

Hand made

Questa settimana mi concedete una pausa dalla moda?! Voglio scrivervi di un argomento che mi piace tantissimo e che in pochi conoscono di me!

Anche se a vedermi pensereste di tutto, io sono una “vecchia maestra”, di quelle che si divertiva a creare lavoretti per le feste ( Natale, Pasqua, per la mamma, per il papà…all’epoca mia non esisteva ancora quella dei Nonni) e quindi questa mia passione nascosta, l’ho rispolverata quando sono nati i miei figli.

Ho pensato perché non svelarvi qualche piccolo segreto per creare oggetti e ornamenti Natalizi da regalare o da mettere in qualche angolo di casa, rigorosamente fatti a mano con l’aiuto dei vostri figli, nipoti o amici.

Vi prometto cose semplici con materiali di uso quotidiano, per agevolare anche i meno esperti!

Dovete innanzi tutto prendervi del tempo e munirvi di ( pazienza) forbici, colla vinilica o colla a caldo, carta, tessuti che non usate più, qualche legnetto, colori, barattoli… e fantasia!

Potete organizzare un dopo scuola con merenda e far lavorare direttamente un piccolo gruppo di bambini.

Iniziamo con dei barattoli della conserva della nonna, di vetro , dove una volta ben lavati potrete trasformarli in porta praline di cioccolato a forma di renna da regalare ai più golosi!

Se invece volete creare un bellissimo centro tavola da utilizzare proprio a Natale dall’effetto “wow” , prendete dei tappi di sughero delle mini pigne e dei rami di pino, assemblandole come nella foto ve ne usciranno dei piccoli Abeti.

Utilizzando sempre i tappi di sughero, questa volta con dei rametti di legno , potrete costruire dei segna posti da tavolo con la forma di una stilosa renna!

Portano fortuna i gufetti a Pigna costruiti con ritagli di feltro!

Volete decorare una parete di casa o fare un pacchetto regalo originale? Munitevi di fili di lana e legnetti e decorerete degli alberi di Natale minimalisti!

Non gettate i cartoni del latte, ne possono nascere dei villaggi natalizi notturni davvero suggestivi!

I finali dei rotoli della carta igienica invece si trasformano in simpaticissimi personaggi natalizi.

Infine gli oggetti che ho tanto amato: le mollette di legno ( le trovate ancora nei negozi dedicati alla pulizia ed igiene per la  casa ) con colla a caldo potete ricavarne delle graziosissime renne da appendere ai vostri alberi di Natale.

Sarà davvero divertente essere creatori per un giorno! Al mio… tre… due… uno SBIZZARRITEVI!!!!

Alla prossima settimana

Tata

PS: Se qualcuno ha piacere di taggarmi qualche lavoretto su Instagram @tatasnob #piccolicreatorihandmade

 

 

Hook Pride

Avete presente il detto: Ma vai a fare la calzetta… beh questa massima relega la maglia e l’uncinetto ad un mondo antico e talvolta un po’ maschilista , dove t’immagini una vecchietta davanti al fuoco a fare centrini, calzini e maglioni… beh resettate tutta questa immagine e volate con la fantasia nei paesi Nord Europei e vi troverete difronte a dei ragazzi  pazzeschi tatuati che sferruzzano maglioni sciarpe e cappelli!

Nel 2018 quasi 2019 non è più considerata l’arte del centrino o del corredino, ma è qualcosa di nuovo, moderno, colorato, contemporaneo…soprattutto sostenibile, etico  e che per molte donne creative ed artigiane ha significato poter intraprendere un progetto imprenditoriale.

Vi stupirà  sapere che dietro a quest’arte si cela un aspetto terapeutico in cui il crochet e il knitting siano un potente strumento di relax e svago. Appena si mette mano ad un gomitolo di lana c’è chi inizia meglio e nei momenti difficili ritrova serenità e questo aspetto è scientificamente provato!

Vi ho fatto tutta questa premessa perché oggi vi scrivo di una ragazza pazzesca, classe 1983, gran chiaccherona , Ariete ( come me ) che adora grazie alla sua mamma, ex insegnate ora in pensione, il mondo dei bambini e ne ha un grande rispetto: Ilaria di Hook Pride…il suo significato letteralmente è Orgoglio, Uncinetto.

Questo significato ve la dice lunga… Ilaria si occupa di questo mondo in maniera davvero eccellente …inizia con un progetto, dalle sue capacità  e di conseguenza dalle sue  mani ne nasce di tutto perché lei adora sperimentare e non si vuole soffermare o specializzare su un prodotto solo.

Adora avere cura nella scelta dei materiali, predilige lane come la Merino, l’alpaca la mohair ed evita il più possibile fibre artificiali e gli acrilici. Per Ilaria è importantissimo lavorare con materiali cosi notevoli perché sono un privilegio, spesso apprezzato, che vuole regalare ai suoi clienti.

C’è tanto lavoro dietro, si parte dalla scelta e selezioni dei fornitori cercando di trovare appunto la qualità, si sceglie il materiale i colori a seconda delle tendenze e del progetto che si pensa avere più successo, poi la realizzazione ( quindi creare uno schema o crearne uno ex novo), fare delle prove, poi la sponsorizzazione ovvero fare le foto, pubblicarle, cercare di raggiungere quante più persone.

Ecco tutto questo lo fa lei e lo segue con grande amore e soddisfazione, perché ogni creazione è unica! Mi ha raccontato che una sera ad un ristorante c’era una bambina che giocava con uno dei suoi pupazzetti…correva di qua e di la e ad un certo punto ha preso sonno abbracciata ad esso… ecco per lei questa è la soddisfazione più grande nel fare il suo lavoro.

Alla prossima settimana

Tata

Caro Babbo Natale

Ci stiamo avvicinando alla festa più importante di tutto l’anno…il Natale, possiamo tranquillamente iniziare il conto alla rovescia… perché manca esattamente un mese…

Quante letterine starete aiutando a scrivere con i vostri figli con le richieste più dolci, tenere e a volte strane… ma oggi vi voglio aiutare nel proporvi alcune idee moda che potrete sfoggiare proprio per le feste.

L’eleganza che si nota in questo periodo ci piace molto, polvere di stelle, oro, profumo di muschio, jingle bells che suona in ogni angolo, l’attesa e la  frenesia di trovare il regalo giusto racchiude la magia che solo il Natale ci sa regalare!

Un classico intramontabile, sono i maglioni dal tema palesemente Natalizio come quelli con renne, orsi polari, pinguini e omini di pan di zenzero abbinabili con scintillanti gonne in tulle , dai colori rosso o bianco… oppure su pantaloni tartan per i bambini stilosi  che accompagnano le proprie  famiglie nelle cene o veglioni di parenti e amici.

Per le feste inoltre il velluto è un altro dei tessuti must, abiti accompagnati da calzettoni tramati al ginocchio e scarpe di vernice . I colori spaziano dal blu notte passando per il  rosso terminando sul verde pino.

Il tutto accompagnato da eleganti cappotti di lana, abbinati a sciarpe e cappelli .

Tutti ci tengono a quel tocco in più d’eleganza…ma se invece amate trascorrere una bellissima Vigilia di Natale sotto l’albero, stesi con un bel plaid aspettando Babbo Natale… v’ immagino tutti elettrizzati vicino ad un camino scoppiettante  con una serie di caldi pigiami per tutta la famiglia e delle tazze di tisane al gusto di arancia cannella e zenzero.

Ad ognuno la sua scelta, l’importante e scaldare il cuore e stringersi alle persone che si amano .

Alla prossima settimana

Tata