Come il mio Papà

Questa settimana all’ultimo, ho deciso di fare un bellissimo tributo ai papà e alla loro imminente festa!

Inizio con dei cenni storici, per raccontare l’importanza di questa festa nata nei primi decenni del XX secolo, proprio per omaggiare la paternità e i padri in generale.

Il Santo protettore proclamato è San Giuseppe che per l’appunto si festeggia il 19 Marzo, sposo della Beata Vergine Maria, che richiama il simbolo di umiltà e dedizione, per la ragione che ha fatto da padre al figlio di Dio.

Spesso tutto gira intorno alla figura della madre, quando si tratta di figli, per l’importanza della gravidanza e di quello che ne accompagna, ma non sottovalutiamo l’importanza che oggi finalmente dopo migliaia d’anni di evoluzione la figura paterna rappresenta nella nostra società.

Si tratta di padri molto presenti, che spesso condividono gli impegni e la vita dei propri figli e… mi viene da sorridere la parte Glamour… si perchè i padri di oggi sono cambiati dal profilo umano ma anche dal punto di vista fashion!

papà più romantici

Papà che imparano velocemente
e che esprimono la propria abilità

Si curano decisamente quanto noi donne e ci tengono molto a vestire alla moda, di conseguenza anche la moda si è adattata a questa nuova tendenza.

Sempre più look ispirati padre/figlio, un coordinato alla moda divertente, causal, da usare tutti i giorni , per sottolineare una complicità . Non si tratta solo di comprare la stessa maglia del club calcistico , ma qualcosa di più sofisticato …

Se prima i padri intervenivano nel guardaroba dei propri figli non prima della laurea per regalare improbabili cravatte regimental , questa nuova inclinazione ci piace molto, molto di più!!!

BUONA FESTA cari deliziosi PAPA’!

Tata

Ne approfitto per fare pubblicamente gli Auguri, invece,al mio papà sapiens!

Eleganze Fotografiche:Milano e lo street style

Buongiorno, il tempo vola, le settimane scorrono incessanti ma io trovo sempre del tempo prezioso da dedicare a voi che mi seguite nella mia avventura fatta di fotografia ed elegante bellezza.

L’ultima volta vi ho parlato di un designer che ha mescolato arte e moda, questa volta voglio parlare della Milano più street, di ciò che succede nella capitale della moda durante la fashion week!

In quei frenetici e bellissimi giorni la città si trasforma, si cammina a passo do moda ovunque ed ogni persona si immedesima perfettamente nel modus operandi!

Anche i turisti e le persone in genere sono impeccabili e più attenti a ciò che indossano!

Come sapete non sono un blogger,ma parlo con i miei scatti!

Quelli rendono benissimo,sono il mio motivo di vita, il mio modo di esprimermi e di raccontare!

Buona visione della gallery.

A presto.

Carlo.

IL SALONE DI REBECCA – I ❤ Palette

Ho iniziato a 13 anni a truccarmi gli occhi con gli ombretti, ricordo che era autunno, ero in bicicletta e avevo una sfumatura dal verde bosco al ciclamino che ricopriva tutte le palpebre..credo fosse abbastanza orribile, per fortuna il visetto da ragazzina mitigava l’effetto. Ciò che importa é che io in quel momento mi sentivo bene e soprattutto mi sentivo grande, quasi adulta, come erano già le mie sorelle!

Il make-up è un modo di essere, ed é bene che ci mettiamo sul viso ciò che ci fa sentire in armonia con noi stesse e col nostro stato d’animo del momento (che a volte cambia spesso anche più volte alla settimana, al giorno)!

E io ho iniziato proprio dagli occhi. Ho puntato tutto sugli occhi, per decenni, prima di imparare a truccare la bocca, esattamente vent’anni dopo!

Usavo una palette con tinte scure, mia sorella l’aveva ricevuta in regalo e io la aiutavo a consumare i colori😜.

Avevo una scelta ristretta però, tra i colori cupi e le tinte calde si salvava solo un rosa tenue . . . l’alternativa era una palette grande, rossa, sicuramente scaduta, che mia mamma conservava inutilizzata nel mobiletto del bagno, ed aveva principalmente ombretti metallizzati, ma come vi ripeto, aveva tanti anni e io non mi fidavo ad usarla.

Non era questa la palette rossa di cui parlo!

L’unica palette che ho ricevuto in regalo negli anni immediatamente successivi non soddisfaceva i miei gusti, quindi continuavo ad attingere dalle palette delle sorelle.

E, cosa più importante, mi truccavo sempre con i colori dei vestiti che indossavo!

Quindi, sono diventata grande, e oltre a scegliere i colori che preferisco, adesso scelgo anche di sperimentare abbinamenti e colori che mai avrei scelto prima. Mi concedo la libertà di divertirmi coi colori!

C’è veramente l’imbarazzo della scelta ora nei negozi, si trovano articoli per tutte le tasche e per tutte le personalità!

Voi cosa ne pensate delle PALETTE di ombretti?

Io dico che le ho rivalutate: le guardo da un’altra prospettiva. Una volta lasciavo intatta la maggior parte dei colori, ora invece mi ingegno per inventare look sempre nuovi!

La genialata degli ultimi anni è la PALETTE PERSONALIZZABILE: acquisti il supporto con base magnetica e ci attacchi tutte le cialde dei colori che tu preferisci. Lascio qui di seguito alcune immagini esplicative.

Ora che vi ho fatto venire voglia di colore, vi dico che per iniziare bastano 3 colori e se siete alle prime armi, vi consiglio di stare su toni nude:

• un colore intermedio, da stendere sulla palpebra mobile

• un colore piu scuro da sfumare nell’incavo della palpebra

• un colore brillantinato chiaro per fare il punto luce all’interno dell’occhio.

Scegliete la qualità, non la quantità, stando sempre su un range di prezzo ragionevole. Prediligete colori adatti al vostro modo di essere, se proprio volete azzardare con un colore sgargiante proposto dalla moda del momento, prendetelo in cialda singola, non all’interno di una palette gia composta.

Vi do appuntamento alla prossima settimana e vi ricordo che io ho uno shop online con prodotti di alta qualità, se siete curiose venite a trovarmi sui miei profili social.

Manuela Rebecca

Facciamo festa papà!

Il 19 marzo si festeggia la Festa del Papà.
Ho pensato che poteva essere carino suggerirvi un menu da preparare insieme ai bambini.

Una serie di pietanze jolly e golosissime pensate per un pranzetto sul divano con un bel film per la famiglia comodi comodi.
Un’attività alla portata di tutti magari accompagnata da un bel disegno o da un biglietto con un messaggio speciale da far trovare sotto al piatto.
E poi volete mettere la soddisfazione di dire al papà ‘questo l’ho fatto io per te?’


Frittata di pasta al forno

Preparate degli spaghetti.
In una ciotola mescolate 1 uovo, 2 cucchiai di parmigiano, 2 cucchiai di salsa di pomodoro e un pizzico di sale per ogni 100 gr di pasta.

Mescolate bene tutto.

Disponete su una teglia da crostata ben unta e passate in forno a 200 gradi per 20 minuti.
Fate dorare al grill gli ultimi 5 minuti.

Paninozzi

Cucinate gli hamburger in padella con un filo d’olio. Salate alla fine.
Tagliate finemente una cipolla bianca in un filo d’olio di semi e salate.
Fate dorare bene.
Tagliate in 2 i panini e fateli scaldare nella padella dove avete cotto le cipolle (super gnam).

Tagliate i pomodorini e l’insalata e salate.
Assemblate i mega panini aggiungendo majonese o ketchup a piacimento.

Palline di cocco

Per 4 cucchiai di formaggio cremoso o ricotta mescolate 12 cucchiai di farina di cocco e 2 cucchiai di zucchero.
Otterrete un impasto facilmente modellabile.

Fate delle palline e passatele nelle codette colorate.
Mettete in frigo e servite belle fresche (fatene tante… spariscono in un attimo)

Auguri a tutti i papà che di impegnano (e a quelli che ci mancano)

A martedì prossimo

8incondotta

Ho sempre in mente una frase che mi dice mio papà: “Mentre lavoro mi diverto” …l’ho sempre invidiato, e non capivo il senso…ma da quando ho iniziato questa avventura ” giornalistica” ho realizzato le sue parole. In effetti ha proprio ragione …mi sto divertendo, il tempo passa così in fretta che vorrei essere già in trasferta in qualche altro negozio e scrivervi di quello che vedo che provo che penso…

Ma quello che più mi piace , è che sto conoscendo delle persone (che a loro insaputa) mi STIMOLA in maniera pazzesca e che ringrazio per la loro fiducia!

Come avete visto dalle storie della mia pagina instagram ( @tatasnob), martedì ho incontrato Laura di @8incondotta, nome davvero originale e spiritoso… ahimè nato proprio da questo voto in pagella del figlio più grande. Un voto che ha portato bene alla sua mamma al suo sogno e alla realizzazione del negozio.

Una location che rispecchia Laura, la sua dolcezza e il suo amore per il mondo dei bambini. A misura dei suoi piccoli clienti, offre un’ampia scelta di capi originali , confortevoli e alla moda.

Laura esperta del settore, lavorava da anni nel mondo della moda per una famosa azienda, ma stanca di questa vita, ha cosi preso coraggio d’investire la sua professionalità ed esperienza per se stessa.

Il suo negozio, a Cadoneghe in provincia di Padova, rivela una realtà che io amo… il calore e la cordialità di un posto familiare, dove ti trovi subito a tuo agio (cosa quasi in via d’estinzione). Il tuo posto di fiducia, dove entri in completa sintonia con l’atmosfera… questo grazie all’accurata scelta che Laura fa durante i campionari, pensando già a chi dei suoi baby clienti potrà indossare questo o quell’altro outfit

Martedì ci siamo divertiti realizzando uno shooting dedicato alla fascia di età media ( 7/8/9/10 anni) legato alla nuova stagione primavera/estate 2019, ma vi ricordo che Laura veste bambini da 0 a 14 anni.

Basta chiacchere , vi lascio scorrere ad oltranza le foto che ci hanno più emozionato e vi ricordo che oggi è  il compleanno di 8incondotta

Alla prossima settimana

Tata

Una panoramica del negozio 8incondotta
Modella Asia
Modello Giammarco
Che ore sono? E’ l’ora di andare …

IL SALONE DI REBECCA – Make-up da Star

Ogni tanto penso che mi piacerebbe molto partecipare agli eventi dedicati alle Stars di Hollywood: abiti da sogno, make-up artist e parrucchiere personali, attori famosi in ogni angolo, insomma tutto ciò che serve a creare un’atmosfera magica come si vede in TV o immortalata nelle riviste.

Al momento mi accontento di sfogliare giornali e gustarmi la bellezza attraverso foto e racconti di chi ci è stato.

La scorsa settimana si è svolta la Cerimonia di premiazione degli OSCAR, e quale occasione migliore per capire quali sono le caratteristiche che definiscono in questo momento storico l’idea di eleganza?!

Faccio una selezione dei look più chiacchierati.

Lady Gaga.

Prima fra tutte LADY GAGA. Non sono una sua fan, ma devo ammettere che non avevo mai visto il suo viso così “al naturale”. Agli esordi della carriera si presentava molto truccata o addirittura col volto coperto, quindi prima di guardare il suo ultimo film, non potevo dire di saperla riconoscere. La notte degli Oscar, invece, l’ho trovata davvero elegante. Non ho apprezzato l’acconciatura monumentale, ma il make-up sì! Il suo segreto sta in una base viso luminosa e naturale, esaltata da illuminante e blush. Sugli occhi un leggero eyeliner metallizzato argento e sulle labbra un rossetto rosa. Il risultato è sobrio ed elegante.

Irina Shaik.

Un’icona della bellezza è IRINA SHAIK. Credo starebbe bene anche in pigiama appena alzata dal letto, ma devo dire che questo caschetto le dona molto, lo porta con disinvoltura e la ringiovanisce senza farle perdere femminilità (io al suo posto sembrerei una ragazzina delle elementari!). Il suo look è super naturale: la base viso é stata realizzata con prodotti fluidi e illuminanti, si percepisce un velo di blush color pesca. Sugli occhi un ombretto naturale luminoso, sulla rima interna dell’occhio un filo di matita bianca per ingrandire lo sguardo e mascara leggero. Le labbra color carne non sembrano nemmeno truccate. Incredibile quanto sia efficace per lei la regola ‘LESS IS MORE’, ovvero meno prodotti ti metti, meglio sarà il risultato finale.

Charlize Theron.

CHARLIZE THERON è stata la più coraggiosa sfoggiando un caschetto scurissimo, dopo decenni di carriera da bionda! Per lei una base viso luminosa, una terra illuminante, l’occhio libero da definizioni nette ha solo un ombretto color bronzo, perché tutta l’attenzione va sulle labbra di color rosso aranciato.

Jennifer Lopez.

Di JENNIFER LOPEZ ho apprezzato l’atteggiamento sicuro di sé. In tutte le foto appare seria e consapevole, prima del look mi colpisce il carattere, non so voi.. trovo però un po’ pesante il trucco, sopratutto la base viso effetto cerone!

Amy Adams.

Di AMY ADAMS si nota la semplicità e le onde sui capelli, che come raccontavo in altri articoli, saranno la tendenza del 2019.

Lucy Boynton.

LUCY BOYTON ha puntato su un caschetto stile retrò, e un look classico che comunque le dona molto.

Julia Roberts.

E per finire vi racconto che per il look di JULIA ROBERTS sono stati utilizzati 500 dollari di prodotti Lancôme, compresi trattamenti di cura della pelle pre make-up. L’intento era di farla sembrare più giovane e direi che 51 anni in effetti non li dimostra!

Emma Stone.

Emma Stone non mi è piaciuta. Questo occhio da gatta color borgogna la fa molto anni ’80 secondo me. Voi che ne pensate?

Di sicuro truccarsi in modo naturale é la scelta migliore e i colori nude sono i piu gettonati per la primavera 2019. Io per prima mi impegnerò ad alleggerire il make-up e accettare un po’ di più le mie imperfezioni!

Al prossimo mercoledì.

Manuela Rebecca

Menu giallo come il sole

Periodo di feste e ricorrenze. C’è un Day per ogni cosa e io sono piuttosto una da day by day. Però in mezzo a tante persone che dimenticano ‘ricordare’ e ‘ricordarsi’ è salutare. Così oggi vi propongo un menù GIALLO per festeggiare la Festa della Donna.

Pietanze quotidiane e semplici come l’amicizia e la solidarietà femminile che in maniera del tutto spontanea ci regala una forza straordinaria.
Perchè una pasta all’ultimo c’è sempre, perchè un’insalata tra amiche è un MUST perchè bastano olive, patatine e un bicchiere di bollicine per perdersi piacevolmente in chiacchiere e confidenze.


Ecco l’idea è anche un po’ questa: sentirsi in vacanza. Perchè quando si sta bene ci si sente leggeri e allora via al profumo di limone e menta (lo so… sono fissata… è grave? Avete pensato subito al mojito anche voi lo so).

Aperitivo
Olive, patatine e rotolini con majonese, bresaola e menta

Pasta limone e menta
Una volta scolata la pasta condite con olio extra vergine d’oliva, scorza di limone grattuggiata, qualche cappero e succo di 1/4 di limone (x 2 persone). Foglie di menta e semi di papavero.

Insalatona rosa e gialla
Non ho resistito a questo radicchio rosa: è spettacolare!

Lo sapete amo i bouquet di verdura forse più di quelli classici floreali.
Radicchio, uova sode, mais, capperi, yogurt, pepe e menta.

Qualcosa di dolce
Ananas sciroppato, yogurt, zucchero,semi di papavero e menta. Va benissimo anche a colazione ovviamente.

L’augurio più grande che vi posso fare è quello di coltivare la solidarietà femminile che l’invidia è una cosa orrenda.

A martedì prossimo
(Evviva la menta!)
Spignattate!

Boho-Chic

Lo so la mia voglia prematura d’estate… ha ancora tempi di attesa abbastanza lunghi…ma quando arriva la bella stagione, in me si sprigiona un’energia e una voglia di novità pazzesca!

Adoro il caldo perchè ti permette di vestirti con poco e in pochi minuti. Basta appoggiare alla pelle, baciata dal sole, qualcosa di leggero e fresco da farti star bene e in ordine tutto il giorno.

Io adoro lo stile Boho-Chic , perchè confluiscono vari elementi della cultura, BOHEME ed HIPPY e la rendono una moda Altamente femminile, nonostante l’aggettivo sia curioso ed ingannevole…visto che significa ZINGARO, ma essendo accompagnato da CHIC diventa tutto ELEGANTE!

I tessuti sono tutti provenienti da principi Etici , Ecologici e nel pieno rispetto delle dignità umana; gli elementi Boho-Chic includono gonne lunghe svolazzanti, gilet, tuniche, giacche, stivali da cow-boy ,zoccoli, cardigan, ruches, le Hobo-Bag ( borse da vagabondo).

Lo stile Boho-Chic, approdato nel 2005 ha preso sempre più importanza nel nostro quotidiano, divenendo uno stile vero e proprio anche nella moda bambino.

La mussola è la forma di tessuto per eccellenza, un cotone realizzato con filati fini, molto morbido al tatto e trova proprio un grande impiego nella biancheria per neonati, crescendo sempre di più anche nel mondo della moda.

Colori neutri che si adattano alla natura e alla “giungla” cittadina, risaltando la vestibilià minimalista che li caratterizza.

Sarà divertente abbinare, fiocchi, cappelli, fasce, ghirlande di fiori freschi, bretelle, gilet per un uso quotidiano o per qualche evento mondano.

Eh niente… lo so … queste foto vi fanno già voglia d’estate…

Alla prossima settimana

Tata

Eleganze Fotografiche: dentro la #mfw tra Moda e Arte con San Andrès.

Buona sera lettori e lettrici di questa mio angolo di paradiso fotografico.
Questo angolo tutto per me è voi mi rilassa e mi fa stare bene.
Sapere che mi leggete mi rende pieno d’orgoglio.
Oggi vi racconto che…vediamo se indovinate?
Ma certo…Sono stato alla #Mfw!
Questa volta non vi tedierò con influencer e street style, ma vi parlerò di una presentazione a cui sono stato invitato e che mi ha davvero colpito.

Sto parlando della sfilata di Andrès Caballero e Fabiola Quezada.

Il primo è lo stilista del brand San Andrès e la seconda è un’artista, hanno unito le loro forze per creare una fusion di moda ,sinergia ed arte spettacolare.

Pittura e Sartorialità si fondono per mettere insieme colori e tessuti che prendono ispirazione dal Messico terra natia di entrambi. Gli abiti di San Andrès vestono una donna che esce dai canoni borghesi diventando una donna metropolitana consapevole del proprio fascino.

Sono stato colpito dalle modelle che accanto agli enormi dipinti sembravano un’opera d’arte unica!
Uno spettacolo unico a cui ho avuto il privilegio di assistere.
Ora attraverso le mie foto voglio provare a trasmettere quelle emozioni che ho provato io.
Fatemi sapere cosa ne pensate!!!!
Io brividi!

Il vostro Carlo!

IL SALONE DI REBECCA – Parliamo di manicure

Sembra un dettaglio marginale, invece è uno degli elementi che completano il look dando conferma allo stile scelto e personalità.

Voi quanto tenete alle vostre unghie? A me piacciono molto le mani ben curate, mi danno un senso di ordine, pulizia e amore per sé stessi. E ovviamente adoro gli smalti. Quando ero giovane, e avevo unghie forti, e molto tempo libero e soprattutto non avevo piatti da lavare, avevo mani sempre perfette: unghie lunghe e smalto impeccabile..lo cambiavo anche tutti i giorni, in base a come mi vestivo. Ora la situazione è leggermente diversa, a volte mi dimentico di togliere lo smalto rovinato e me ne accorgo per esempio quando sono in cassa al supermercato e sto porgendo i soldi alla cassiera, che prontamente ha le mani perfette e ben curate, tanto che per l’imbarazzo faccio il possibile per distogliere la sua attenzione dalle mie .

Ciò che è sicuro è che osservo molto le mani delle donne ed esprimo dentro di me approvazione o disapprovazione rispetto alle loro scelte in fatto di smalti. E osservando mi sono accorta di quanto le unghie cambino la forma della mano: vi sono mani belle e affusolate che stanno bene anche con le unghie corte e mani tozze che acquisiscono eleganza se abbellite con unghie lunghe e affusolate.

Voi quante forme di unghia conoscete? Ci sono almeno dodici differenti modi di limare le unghie, andiamo a vedere quali sono:

Diverse forme.

Le più comuni sono :

•rotonda, tende a rimpicciolire l’unghia, quindi é piu adatta a chi ha mani grandi ed é perfetta con smalti vivaci.

•quadrata, perfetta per chi ha unghie strette, consigliata con colori chiari o nude.

squoval, una via di mezzo tra quadrata e rotonda, il miglior colore da abbinare a questa forma è il rosso laccato.

• a mandorla, uno stile anni ’80 chic e sexy, smaltisce la mano e si presta a colori molto chiari o molto scuri.

stiletto, molto a punta e molto lunga, a mio avviso un po’ difficile da tenere.

Stiletto.

ballerina, uno stiletto senza punta, richiama la forma delle scarpette da ballerina, appunto.

Ballerina.

Io tendenzialmente le mie le preferisco squoval, anche se sarei davvero curiosa di vedermi con una forma a mandorla o ballerina!

Color papavero.

Come sapete, sono appena terminate le settimane della moda a New York, Parigi, Londra e Milano e come per abiti, capelli e trucco, sono state lanciate anche le tendenze 2019 dedicate alle unghie. Per quanto riguarda la primavera/estate, i colori più gettonati sono i pastelli – lilla, verde acqua, azzurro, rosa, pesca, giallo, latte – da applicare su unghie corte e stondate, ma la novità assoluta è il color papavero: non il rosso, sempre seducente ma sempre lui, bensì un colore più tendente all’arancio, che dona allegria e positività. Sono perfette anche le tonalità dei verdi e blu metallizzate, come negli anni ’80.

Passiamo ora allo stile della nail art. l’inverno che si sta per concludere è stato il più esplosivo degli ultimi anni, la ragione in cui ha trionfato lo stile MISMATCHED , ovvero la manicure “disordinata” più bella di sempre.

Mismatched creativa.

La mismatched classica prevede 10 smalti diversi, uno per ogni unghia. Poi ci sono le personalizzazioni, e ciò che sta andando per la maggiore è abbinare due a due le unghie – per esempio pollice e anulare, indice e mignolo – e fare il medio diverso, oppure qualsiasi altra combinazione vi suggerisca la vostra creatività. Vi lascio qui di seguito alcuni spunti per le ultime battute d’inverno.

In primavera la novità sarà la circle nail art (detta anche orbita) e continuerà l’half moon (mezza luna). Vi lascio alcune foto esplicative.

Orbita
Orbita
Mezza luna
Mezza luna

A mercoledì prossimo!

Manuela Rebecca